Scaliamo insieme la piramide alimentare per rimetterci in forma con un piatto sano.



Copyright © 2011 Harvard University, Per maggiori informazioni sul Piatto del Mangiar Sano, per favore consulta The Nutrition Source, Department of Nutrition, Harvard T.H. Chan School of Public Health, http://www.thenutritionsource.org e Harvard Health Publications, harvard.edu.



Per prima cosa vediamo di capire cos'è la PIRAMIDE ALIMENTARE.


E' un'immagine che rappresenta il modo più corretto di alimentarsi.

E' stata ideata dal Dipartimento Statunitense dell'Agricoltura nel 1992 con lo scopo di invitare la popolazione a seguire consigli dietetici, per contrastare il forte aumento di incidenza dell’obesità.

Da allora la piramide è stata rivisitata fino ad arrivare alla versione attuale.

Alla base della piramide troviamo i cibi che andrebbero consumati quotidianamente e via via salendo quelli ad uso sporadico per avere un’alimentazione sana ed equilibrata.


Per chi come me segue la dieta mediterranea, la piramide alimentare non dà informazioni particolarmente nuove o diverse.

Infatti costituisce la rappresentazione grafica scientificamente studiata dei principi su cui si basa la dieta mediterranea.

Tuttavia negli anni le abitudini alimentari degli Italiani, per diversi motivi, si sono avvicinate a quelle degli Americani, favorendo l’introduzione di fast-food, cibi fritti e ricchi di grassi. Ecco il motivo per cui anche per noi Italiani la piramide può essere utile.

Può infatti aiutarci a ripercorrere la strada corretta prima che certi comportamenti alimentari diventino cattive abitudini.


Sia chiaro che non esiste l’alimentazione perfetta! Esistono abitudini alimentari migliori di altre che minimizzano l’insorgenza di malattie.

La dieta mediterranea costituisce patrimonio mondiale dell’umanità e come dimostrato in numerosissimi studi epidemiologici riduce l’incidenza di malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2, alcune malattie neuro degenerative e cancro. (1-4)


Nel 2009 a Parma durante la terza conferenza internazionale organizzata dal CIISCAM (Centro Interuniversitario Internazionale per lo Studio delle Culture Alimentari Mediterranee) è stato definito un nuovo concetto di dieta mediterranea, non più solo come modello di sana alimentazione, ma come un vero e proprio stile di vita orientato al benessere ed ecco così che è stata sviluppata la NUOVA PIRAMIDE ITALIANA BASATA SULLA DIETA MEDITERRANEA, tenendo conto dei LARN (Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia per la popolazione italiana).


Oltre gli aspetti nutrizionali, comprende le attività fisiche e socio-culturali e gli aspetti ambientali.


Conosciamola meglio.....


al di sotto della base, prima ancora degli alimenti, troviamo alcuni concetti tipici della cultura mediterranea, come TRADIZIONI, CONVIVIALITA’, FRUGALITA’, SOSTENIBILITA’, STAGIONALITA’ E TERRITORIALITA’.


La tavola come momento di festa, legata alle tradizioni. Pasti frugali con alimenti tipici del territorio e della stagione e sostenibili dal punto di vista ambientale.


Alla base della piramide troviamo l’ACQUA.

1,5 o 2 l al giorno di acqua dovrebbero essere garantiti, anche tramite tè o infusi.

Subito dopo ci sono gli alimenti che vanno consumati ad ogni pasto, quali verdura e frutta (1 o 2 porzioni) e cereali integrali (pane, pasta, riso 2 o 3 porzioni).


Al centro della piramide ci sono gli alimenti il cui consumo dovrebbe essere quotidiano come ad esempio latte o yogurt, frutta a guscio, semi, olive, spezie e aromi.

Più in alto ci sono gli alimenti il cui consumo consigliato è settimanale. Sono gli alimenti proteici come ad esempio carni, carni lavorate, pesce, uova e formaggi che dovrebbero essere alternati ai legumi, preferibilmente in combinazione ai cereali.

Anche il consumo consigliato delle patate è di 1 o 2 porzioni a settimana.


All’apice della piramide ci sono i dolci che dovrebbero essere consumati solo occasionalmente (1 porzione per settimana).

Il vino, bevanda tipicamente mediterranea, è concesso nella quantità di un bicchiere al giorno per le donne e due per gli uomini, meglio se assunto durante il pasto.

Al fine di mantenere un sano stile di vita è prevista un’attività fisica di almeno 30 minuti al giorno, come suggerito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.(5)


Una variante della piramide è il piatto sano che stabilisce la suddivisione ottimale del pasto tra i vari alimenti. Privilegia cereali integrali e proteine derivanti da pesce, pollame e fonti vegetali.



BIBLIOGRAFIA

1)Accruing evidence on benefits of adherence to the Mediterranean diet on health: an updated systematic review and meta-analysis.

Sofi F, Abbate R, Gensini GF, Casini A.

2)Definitions and potential health benefits of the Mediterranean diet: views from experts around the world.

Trichopoulou A1, Martínez-González MA, Tong TY, Forouhi NG, Khandelwal S, Prabhakaran D, Mozaffarian D, de Lorgeril M.

3) Mediterranean diet and prevention of non-communicable diseases: scientific evidences.

Proietti AR1, del Balzo V, Dernini S, Donini LM, Cannella C.

4) Association between the Mediterranean diet and cancer risk: a review of observational studies.

Verberne L1, Bach-Faig A, Buckland G, Serra-Majem L.

5) LARN. Nutrients and energy reference intake for Italian population. 4th Rev. SINU (Italian Society of Human Nutrition),2012


Featured Posts
Recent Posts
Search By Tags
Follow Us
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic

CONTATTAMI PER UN APPUNTAMENTO GRATUITO

LORENZA SARTORI

Via Edison 10 

43022 Monticelli Terme

PARMA

Mail:

L4life.coach@gmail.com

 

Cellulare:

388/1827259

Seguimi

  • w-facebook
  • w-blogger